Verbania: il bilancio alternativo del Pd e delle minoranze consiliari

Un “bilancio alternativo”: la minoranza verbanese replica alle accuse del sindaco Marco Zacchera di non fare un’opposizione costruttiva presentando, sabato 26 maggio in una conferenza stampa, una serie di emendamenti alla previsione di esercizio 2012 . Punti cardine del bilancio “ombra” sono la contrarietà all’aumento dell’Irpef e la richiesta di abbassare l’Imu sulla prima casa.
“Chiediamo – spiega Claudio Zanotti – per il 2012 che tutto il gettito della tassa di soggiorno anziché essere impiegato per lavori di manutenzione, come l’illuminazione del lungolago di Intra, che possono essere rimandati sia destinato alla parte corrente per abbassare le tasse”.
La proposta dell’opposizione è di mantenere l’aliquota Irpef allo 0,3% per i redditi fino a 55 mila euro di alzarla allo 0,8% per quelli superiori. Per l’Imu invece si chiede di ridurre l’aliquota sulla prima casa dello 0,55% allo 0,43%e di uniformare quella per la seconda casa allo 0,66%. I fondi necessari per pareggiare le minore entrate deriverebbero come detto dalla tassa di soggiorno e dalla riduzione dei costi della politica, in particolare dei gettoni dei consiglieri comunali per consigli e commissioni, dei compensi del difensore civico da 8800 euro a 5500 e dei revisori dei conti da 36 mila a 28 mila euro. Inoltre la minoranza chiede di ripristinare i contributi al centro per minori Esom, 6500 euro, e al Comitato Resistenza (1350 euro), e di destinare i fondi del Pisu non alla realizzazione del centro eventi bensì alla copertura dei costi di altre opere già realizzate, come palazzo Flaim e la fontana di Piazza Città Gemellate.
Savino Bombace, dell’Idv, sottolinea come il sindaco non abbia convocato la commissione bilancio.
Valdimiro Di Gregorio a nome dei Comunisti Italiani ha proposto ulteriori emendamenti per dirottare 50 mila euro per i cantieri di lavoro, per mettere in sicurezza il centro di Fondotoce, per ripristinare il contributo alla Casa della Resistenza di 5000 euro non versando la quota associativa di 6 mila euro al Distretto dei laghi, di togliere i 6 mila euro in più alle scuole private per girarli alla scuola pubblica.
Marcella Zorzit dei Cittadini Con Voi chiede più attenzione per le politiche turistiche, per l’ambiente, le piste ciclabili e le politiche giovanili, visti i tagli al Kantiere di Possaccio e al Consiglio Comunale dei Ragazzi.

Dal sito di teleVCO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...