Gianna Pentenero: i perchè della mia candidatura a segretario regionale del PD

gianna PenteneroCari iscritti e simpatizzanti,
ho avanzato la mia candidatura alla segreteria regionale del Partito Democratico per promuovere l’idea di Partito che ho maturato in questi anni di impegno amministrativo al servizio delle cittadine e dei cittadini piemontesi. Nei circoli, tra i militanti e gli iscritti, parlando con gli amministratori emerge sempre più la voglia di una partito vivo e dinamico non solo in occasione delle competizioni interne ed elettorali, un luogo in cui il confronto sia aperto e non soffocato negli steccati delle appartenenze.

Credo che questa rappresenti oggi una delle emergenze che voglio provare a superare, portando la mia esperienza di democratica nel “dna”, di chi partendo da un’esperienza civica guardava ai partiti che hanno concorso alla nascita del PD con attenzione e rispetto, ma sognando di poter andare oltre e di costruire un partito che da quelle esperienze potesse rilanciare la propria visione di una società migliore.
Mi candido non come ex, per difendere o rappresentare qualcosa o qualcuno, ma per costruire un progetto per il PD piemontese, capace di elaborare una proposta di partecipazione politica che rafforzi e per alcuni versi ricostruisca il senso di appartenere con orgoglio a un partito.
Nelle parole di chi ha militato per anni, con dedizione, senza mai chiedere nulla, interpretando la politica come un servizio reso alla propria comunità, si respira l’atmosfera di un partito in cui dare voce e valore a chi si spende per promuovere la buona politica sul proprio territorio.
Noi abbiamo necessità di far contare gli iscritti e non di contare le tessere, abbiamo bisogno di dare credibilità e forza all’azione del PD regionale ripartendo dai circoli, ascoltando esigenze, istanze e voglia di impegnarsi sapendo che solo attraverso la politica possiamo ricostruire un progetto per il Piemonte.
Non mi ha mai affascinato il dibattito sui partiti liquidi o solidi, perché credo che la miglior politica, quella più efficace si fonda sulla prossimità e sulla capacità di costruire relazioni e fiducia sui propri valori e sui progetti che si intendono portare avanti, unendo ad essa l’organizzazione e la capacità di rafforzare il radicamento.
In questo senso io metto al servizio la mia storia politica, la mia esperienza, le competenze costruite nell’ascoltare e nel fare, con l’obiettivo di coinvolgere, insieme a chi ha avuto da subito fiducia in me, i piemontesi che scommettono su un altro PD, un partito in cui loro contano e in cui possono dire la propria.
Un PD che ha queste caratteristiche può con forza puntare a riconquistare la guida della Regione, condividendo un progetto alternativo al disastro della Giunta Cota e alla demagogia del M5S, in cui affrontare i grandi nodi dello sviluppo del Piemonte.
Io voglio vivere in una regione in cui l’investimento sul lavoro sia il centro di una strategia efficace di utilizzo dei fondi europei, dove gli investimenti sull’istruzione, la formazione, l’innovazione e la ricerca offrano una chance alle nuove generazioni sempre più sospese tra sviluppo e declino, in cui la salute non sia un diritto per pochi, ma per tutti, dove i servizi non vengano erogati in base alle appartenenze ma per rispondere alle esigenze reali del territorio, in cui il sistema di welfare non sia confuso con la solidarietà, dove il trasporto pubblico abbia un progetto per garantire mobilità sostenibile in tutto il Piemonte, in cui gli enti locali e le aree più marginali non siano cenerentole inascoltate ma portatori dei bisogni della comunità.
Tutto ciò è possibile realizzarlo, costruendolo insieme, e con la consapevolezza che i prossimi mesi ci porteranno anche sfide importanti nelle elezioni amministrative ed europee, se abbiamo un Partito Democratico che a livello regionale riparte dalle sue fondamenta e che, unico in Italia, raccoglie la sfida di affidare questa responsabilità a una donna.
“E se fosse Gianna” la persona che può aiutarci a costruirlo, a cui dare fiducia in un momento così delicato…. molti se lo sono domandati e mi hanno sollecitato in queste settimane.
Ebbene abbiamo poco più di tre settimane per provarci, per scrivere un’altra storia, per innestare, vista la stagione, un virus positivo che lanci il Partito Democratico verso le prossime elezioni regionali.
Io mi sono messa in gioco, con serenità, entusiasmo e senza tatticismi, ora tocca a ciascuno di Voi aiutarmi a “influenzare” militanti, iscritti, simpatizzanti e quell’elettorato che guarda con più fiducia e speranza al Partito Democratico quando gli offre opportunità, spazi e soprattutto spende persone trasparenti e credibili.

Ci conto,

Info e contatti:
http://www.giannapentenero.it
sefossegianna@gmail.com
Fb gianna pentenero
Twitter #sefossegianna
Mobile 347/85.611.22

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...