Archivi categoria: Ossola

Scuola di formazione civica ed amministrativa: primo appuntamento partecipato

partecipareSala affollata,quella del circolo del Partito Democratico di Domodossola, venerdì sera 7 Febbraio.
Il primo dei sei incontri previsti per la “Scuola di formazione civica ed amministrativa”, dal titolo “Dalla Costituente ai trattati europei”, tenuto dal prof. Venturiello, docente del Liceo Scientifico “G. Spezia”, ha visto una buona partecipazione di pubblico, ben oltre i 27 iscritti ufficiali( il limite massimo era stato fissato a 25-30 max), tra cui molti giovani.
Il dibattito che ne è seguito ha contribuito non solo ad approfondire alcuni aspetti inattuati del processo di unità dell’Europa, ma a stimolare il confronto tra posizioni critiche diverse alla vigilia di un appuntamento elettorale che si annuncia più importante e carico di novità rispetto al passato.
Venerdì prossimo, 14 Febbraio, è previsto l’incontro con Aldo Reschigna, consigliere regionale ed ex sindaco di Verbania, sul tema “Il funzionamento della macchina amministrativa comunale”.

COMUNICATO STAMPA DEL PARTITO DEMOCRATICO
circolo di Domodossola, Masera e Trontano

Ufficio stampa PD VCO

Il solito stile

Lunedì 10 Giugno 2013, primo consiglio comunale a Villadossola con Marzio Bartolucci Sindaco per il secondo mandato.
Dai banchi dell’opposizione F. Ravandoni, invece di prendere atto del voto dei Villadossolesi, ha inveito contro Carlo Squizzi e minacciato la neo assessore Jennifer Veronesi.
Niente di nuovo, è il suo stile, però qualcosa gli si deve ricordare.
Carlo Squizzi e’ uomo di altissima statura morale, apprezzato, stimato, amato, dall’intero paese e dalla comunità, e noi siamo onorati della sua rinnovata disponibilità a disposizione del comune di Villadossola, con rinuncia all’indennità di carica, così come nel quinquennio precedente.
La campagna elettorale di Carlo si è svolta con la sua consueta sensibilità e altruismo: “Non votate me”, diceva a chi lo interpellava, “votate i giovani, sono loro che vanno sostenuti”.
Ravandoni ha detto che ha perso perché i partiti che hanno proposto Bartolucci erano troppo forti, che (povero!), ha dovuto battersi contro troppe risorse.
La verità è che a suo sostegno si sono mossi “i soliti interessi ” di cui i Villadossolesi si sono stufati.
Il Partito Democratico di Villadossola ha appoggiato con forza organizzativa la lista civica ViviAmo Villa di Marzio Bartolucci. Lo ha fatto anche per impedire che “certa gente” tornasse a spadroneggiare.
I cittadini di Villadossola con il voto di maggio 2013 hanno definitivamente bocciato Ravandoni. Spiace per i giovani della sua lista, avrebbero meritato di più!
Il Partito Democratico, insieme alle altre forze a sostegno della lista civica ViviAmo Villa, avrebbe potuto fare una campagna elettorale aggressiva nei confronti del candidato Ravandoni.
Invece la campagna elettorale è stata impostata sul programma e sulla presentazione dei candidati: insomma una campagna PER e non CONTRO. Lo abbiamo fatto per dare un segnale di buona politica propositiva, e i Cittadini di Villadossola l’hanno capito.
Auguri a Bartolucci, alla sua nuova giunta e ai consiglieri di ViviAmo Villa. Vi sosterremo in tutti i modi!

Circolo PD di Villadossola

Bartolucci vince le primarie di Villadossola

Marzio Bartolucci vince le primarie civiche e così a fine maggio si presenterà davanti a tutti gli elettori per chiedere la conferma alla carica di sindaco di Villadossola anche per i prossimi cinque anni.
Finisce 68.5% a 31.5%, ma soprattutto segna una grande, anzi grandissima partecipazione. Sono stati ,infatti, 928 i cittadini di Villa che hanno sfidato la pioggia per esprimersi sul prossimo candidato a sindaco, segno che anche in un momento molto complicato della vita politica, i cittadini quando sono chiamati ad esprimersi, rispondo in modo massiccio.  Tanto per capire la dimensione, alle primarie del 25 novembre avevano partecipato 328 cittadini, mentre alle passate elezioni comunali nel 2008, votarono 4844 cittadini.
Infine, la percentuale ottenuta dal sindaco Bartolucci testimonia l’ottimo lavoro fin qui svolto dalla sua amministrazione e infonda morale e coraggio per affrontare con la dovuta grinta le elezioni comunali.

Primarie a Villadossola: domenica 24 marzo, un voto per Marzio Bartolucci, "obiettivo 2018".

Si chiama “Obiettivo 2018” e mira a riportare Marzio Bartolucci,  alla testa dell’amministrazione di Villadossola.
Il programma (clicca qui per leggere la versione integrale) con cui il sindaco uscente sfida Paolo Riva alle Primarie si compone di 16 punti. E se il lavoro è la questione prioritaria a cui Bartolucci intende far fronte, parte integrante del progetto amministrativo sono anche le politiche sociali, l’ambiente, la sicurezza, la cultura e la fiscalità. “ Non un libro dei sogni ma la prosecuzione del lavoro iniziato 5 anni fa “ ha spiegato il primo cittadino uscente. Gruppo su facebook cliccando qui

CHI PUÒ VOTARE
– La partecipazione alle primarie è APERTA A TUTTE LE ELETTRICI E GLI ELETTORI RESIDENTI A VILLADOSSOLA in possesso dei requisiti previsti dalla legge;
– Possono partecipare al voto i giovani che compiono 18 anni entro il 26/05/2013, giorno di svolgimento delle elezioni comunali.

DOVE SI VOTA
Seggio 1 presso la sala consiliare del comune di Villadossola, via Marconi 21 potranno votare gli elettori iscritti alle circoscrizioni elettorali 1 – 2 – 3 – 4;
Seggio 2 presso il locale del comitato di quartiere Villaggio sotto i portici in piazza Motta potranno votare gli elettori iscritti alle circoscrizioni elettorali 7 – 8;
Seggio 3 presso la scuola elementare della Noga, in via C. Battisti, 8 potranno votare gli elettori iscritti alle circoscrizioni elettorale 9;
Seggio 4 presso la palestra del PEEP in via Puglia, 2 potranno votare gli elettori iscritti alle circoscrizioni elettorali 5 – 6.
Tutti e quattro i seggi saranno aperti domenica 24 marzo 2013 dalle 9.00 alle 20.00.

COME SI VOTA
– Il voto prevede l’espressione di un’unica preferenza e viene espressa tracciando un segno qualsiasi in corrispondenza del candidato prescelto;
– Per essere ammessi al voto occorre essere in possesso di un documento di identità e della tessera elettorale e sottoscrivere il consenso al trattamento dei dati personali;
– Ogni elettore, salvo casi particolari che dovranno essere autorizzati dai garanti, può votare solo nel seggio che include la propria sezione elettorale;

NESSUN CONTRIBUTO ECONOMICO è richiesto per poter essere ammessi al voto.

La scommessa a cui siamo chiamati è la creazione dell’Ossola unita

Questa la soluzione che Enrico Borghi ieri sera a un incontro a Viganella con i sindaci della valle Antrona ha prospettato per la realtà ossolana.
“Il mondo è cambiato – dice Borghi – siamo in una nuova fase costituente in cui stiamo assumendo decisioni che entreranno profondamente nel destino delle giovani generazioni”
“Per questo – sostiene il sindaco di Vogogna – non dobbiamo spaventarci del mondo che cambia ma dobbiamo cogliere il senso della trasformazione della storia per evitare che ci colga impreparati e che ci travolga inesorabilmente.”
“ A livello nazionale come Anci stiamo portando avanti una trattativa con il governo perché possa restituire ai comuni tutto il gettito Imu, prima e seconda casa. Ma dobbiamo avere chiaro in testa che questo comporterebbe la fine dei trasferimenti statali a causa del fiscal compact che da un lato non ci permette più di aumentare il debito e la spesa corrente , dall’altro ci obbliga in 20 anni di arrivare al 60% di debito sul Pil”
In questa situazione politico – economica per Borghi la soluzione può essere solo una “ Gli amministratori comunali si devono prendere delle grosse responsabilità per avere più credibilità per fare le battaglie che il futuro ci riserverà. La responsabilità , in questo momento storico, è mettere in atto una riorganizzazione dei servizi finalizzata al mantenimento dei servizi oggi garantiti, anche in assenza di contributo statale. “
“La strada affinchè ciò sia possibile – sottolinea Borghi – è riuscire a stare tutti insieme. Un’Ossola unita che parli con un’unica voce per i suoi 68000 abitanti. Se riusciremo a fare questo saremo la seconda realtà della provincia di quadrante  “
Tutto questo ragionamento con una straordinaria opportunità alle porte “ Il governo italiano ha ribadito la nostra partecipazione ai fondi europei per la montagna 2014 – 2020 , gli addetti ai lavori sanno che la modalità con cui saranno distribuiti saranno i cosiddetti fondi integrati . Questo significa che noi dobbiamo scordarci di poter usufruire individualmente di fondi settoriali e per questo motivo dobbiamo imparare a stare in rete tra di noi, per costruire un vero e proprio piano industriale della pubblica amministrazione ossolana che da un lato mantenga i servizi e dall’altro liberi risorse per gli investimenti.”
Un nuovo richiamo alla necessità dell’essere uniti che non intacca l’autonomia e l’identità “ la battaglia sull’autonomia e sull’identità la abbiamo già vinta l’anno scorso con l’articolo 16 sui piccoli comuni. La riorganizzazione che abbiamo di fronte deve prendere esempio dalle realtà europee esistenti, come Francia o Svizzera, nelle quali una riorganizzazione dei servizi non ha pregiudicato il mantenimento dell’autonomia e dell’identità locali.”
Un intervento appassionato che chiude con un monito e un augurio “ le scelte che andremo a fare devono prescindere dalle diverse collocazioni politiche e dal destino delle singole persone. Dobbiamo pensare a cosa abbiamo in testa per i prossimi 20 anni per il nostro territorio. Stando insieme potremo aver accesso ai fondi di programmazione 2014 – 2020 e avere credibilità politica per fare delle battaglie, come quella dell’acqua e dell’energia, sulle quali nei prossimi anni si decideranno i futuri delle nostre genti. Questa è la scommessa che abbiamo di fronte.”

Enrico Borghi
vice Pres. Anci e Sindaco di Vogogna