Archivi categoria: Verbano

Simona Ruschetta nuovo segretario del circolo PD di Ghiffa-Oggebbio

E’ Simona Ruschetta il nuovo segretario del circolo del Partito Democratico di Ghiffa-Oggebbio. E’ stata eletta all’unanimità nella riunione degli iscritti e simpatizzanti del PD di mercoledì 2 luglio al Circolo Arci Susellese; sostituisce Germano Cossalter che ha espresso il desiderio di passare il testimone. Quarantatre anni, casalinga, sposata con due figli, diplomata presso l’ITIS Cobianchi, Simona da sempre abita a Ghiffa. Presente nel PD da quando è nato si è sempre impegnata a mantenere viva la presenza del Circolo sul territorio, convinta dell’importanza di mantenere un filo conduttore tra la base e i vertici del partito ed ha partecipato attivamente al sostegno della lista “Insieme per Ghiffa” che ha portato all’elezione a Sindaco di Matteo Lanino. Suo primo impegno il rilancio del tesseramento 2014 al PD. Ufficio stampa Partito Democratico Coordinamento provinciale VCO

Il Pd di Verbania verso le amministrative: aprire al confronto con la città. Aderisci ai gruppi di lavoro

Nel percorso che porterà alle elezioni amministrative del 2014 la segreteria del PD di Verbania ha deciso di mettere in campo un’azione per costruire un percorso programmatico condiviso, attraverso il confronto con tutte le realtà partecipate della città.
Per questo sono nati alcuni gruppi di lavoro aperti, al contributo di tutti, per dialogare con la città e per costruire assieme idee e proposte per il futuro di Verbania.

# AMBIENTE : Piergiorgio VARINI – pgv49 (chiocciola) yahoo.com

# ARTIGIANATO, AGRICOLTURA,COMMERCIO, TURISMO : Diego BRIGNOLI – diegobrignol (chiocciola) libero.it

# ASSOCIAZIONISMO : Riccardo BREZZA – brezzariccardo (chiocciola) hotmail.it

# RAPPORTI CON I CITTADINI / SEMPLIFICAZIONE: Corrado DE AMBROGI – c.deambrogi (chiocciola) libero.it

# SERVIZI SOCIALI : Alessandro PAPINI – alessandro.papini (chiocciola) email.it

# SPORT : Nicolo’ SCALFI – scalfi.nico (chiocciola) hotmail.it

Ogni gruppo di lavoro svolgerà il proprio compito in piena autonomia, in sintonia e in diretto contatto con la segreteria, con la possibilità in base alle disponibilità di istituire altri gruppi di lavoro.

Aspettiamo il tuo contributo, grazie.

Corrado De Ambrogi
Coordinatore circolo PD Verbania

Verbania: ripartire utilizzando tutte le risorse disponibili. Compreso i 10 milioni di fondi europei.

Villa Taranto è chiusa. La notizia è stata diffusa da tutti i telegiornali italiani, ed è in buona evidenza da ieri su molti giornali stranieri. Le disdette delle prenotazioni arrivano numerose agli alberghi.
Ogni anno a Villa Taranto arrivano 130/150 mila turisti. I soli biglietti rappresentano un incasso di circa 1,5 milioni di euro. Le persone che visitano Villa Taranto non comprano solo il biglietto. Spendono altri soldi, a Verbania e sul territorio circostante. Se ognuno spende altri 50 euro, sono dai 6,5 ai 7,5 milioni di euro. Se ognuno spende altri 100 euro sono dai 13 ai 15 milioni all’anno. Significa posti di lavoro. Una ricchezza di cui la nostra città e la nostra economia, già così duramente provate, non possono fare a meno.
Una prima parziale stima dei danni di sabato, diffusa dal Comune, parla di quasi otto milioni, più le spese vive già sostenute per gli interventi di emergenza. Totale parziale: quasi nove milioni di danni al solo patrimonio comunale.
I danni diretti e indiretti non si misurano solo nell’immediato, ma saranno pagati per molti anni dai cittadini di Verbania e dei comuni vicini, se non si interviene subito con determinazione e competenza.
Bisogna fare presto e bene, partire da questo disastro per ricostruire i giardini devastati e il paesaggio urbano, il nostro patrimonio, la nostra ricchezza.
E’ indispensabile e indilazionabile l’avvio rapidissimo di un progetto condiviso dai cittadini, dal Comune e dai Comuni turistici circostanti, dalla Regione e dallo Stato, per:

1. Riaprire al più presto Villa Taranto, unificandola con Villa San Remigio.

2. Ricostruire, migliorandolo, il verde cittadino.

3. Realizzare le infrastrutture che servono a migliorarne la fruibilità.

4. Ristrutturare il lungolago della città, per mettere fine ad un progressivo degrado incompatibile con un’economia turistica florida.

5. Avviare contemporaneamente, per la prossima primavera, una campagna di comunicazione internazionale che rafforzi l’immagine turistica della città e del territorio.

Bisogna mettere da parte le polemiche, raccogliere cittadini e istituzioni intorno a questo progetto di ricostruzione.
Bisogna che tutte le risorse disponibili siano impiegate in questa direzione.
Ci sono 10 milioni di fondi europei che la Regione ha destinato alla riqualificazione dell’area urbana.
Chiediamo che la Giunta di Verbania, d’intesa con la Regione, utilizzi questi fondi per avviare la ricostruzione, chiedendo alla Regione e allo Stato di fare la loro parte con pari impegno.
Non è vero che è impossibile farlo.
Sarebbe coerente con le linee guida dettate dalla Commissione Europea, che ha delegato alla Regione Piemonte gli aspetti implementativi. E’ solo una questione di volontà politica.
Ed è anche l’unico modo per non fare pagare il conto ai cittadini di Verbania. Sarebbe un gesto di grande responsabilità e l’avvio di una stagione di rinascita della città.

Corrado De Ambrogi
Coordinatore circolo PD Verbania

Alla Festa democratica a Verbania, sabato 21 luglio, presentazione del libro su Luigi Zappelli

Nell’ultimo weekend della Festa Democratica di Verbania al circolo Arci a Trobaso (che si concluderà domenica 22.07) appuntamento culturale sabato 21 luglio alle ore 18, con Irene Magistrini presenta il libro “Luigi Zappelli – Sindaco di Verbania (1945/1948)”, edito da Verbania Documenti. Sarà presente l’autore Mino Ramoni.

Partirà giovedì 12 luglio sera l’appuntamento con la Festa Democratica organizzata dal circolo PD di Verbania.
Dal 12 sino a domenica 22 luglio presso l’area del circolo Arci a Trobaso appuntamento con la cucina casalinga, stand libreria, appuntamenti sportivi e ovviamente buona musica.
Appuntamento politico lunedì 16 luglio alle ore 18.oo con il capogruppo Pd in consiglio regionale Aldo Reschigna
Da segnalare le due serate dedicate alla musica giovane con i Folkamiseria ( gruppo che orami ha superato i confini provinciali) venerdì 13 luglio e con la band dei Mauve sabato 14, mentre nelle altre serate soprattutto liscio con le orchestre  di Felix, Elena, Ketti e gli Eleganti.
Vi aspettiamo.

Fatto il rimpasto di giunta a Verbania: tutto come prima, o forse peggio

“Zacchera bis” dopo cinque mesi di faticosa e spassosa gestazione: stessa Giunta da record (dieci assessori), niente spazio al PID, abbandono polemico di Tigano, malpancismo diffuso nel PdL, strapotere della Lega Nord. Un vero successo politico.
Oggi s’aggiunge un altro cammeo alla straordinaria performance dell’Amministrazione Zacchera: si è finalmente chiuso il mitico “rimpasto di Giunta”.
Una titanica operazione politica partita più di quattro mesi fa, che a buon diritto s’iscrive tra le pagine “alte” della storia amministrativa cittadina: fuori Mantovani (PdL) e Airoldi (Lega), dentro Montani (Lega e senatore) e Marcovicchio (PdL). Un cammeo che si aggiunge ad altre purissime gemme di preziosa amministrazione: la giubilazione istantanea dell’assessore Preti, i cento giorni dell’aspettando Sottocornola, la delega “a porta girevole” di Parachini, il feroce siluramento della Mantovani, il tiro al bersaglio sui presidenti del Museo del Paesaggio, l’emorragia di consiglieri comunali dal PdL al PID (“Popolari Italia Domani”).

Ecco dunque per gli affezionati lettori di VB70 la sintesi degli straordinari accadimenti odierni. A mezzogiorno altisonante conferenza-stampa di presentazione della “nuova” (?) Giunta: i membri della Giunta, che il giorno prima erano nove, diventano  dieci, a puntuale conferma delle solenni dichiarazioni di Zacchera (“con il rimpasto ridurremo il numero degli assessori”); il “doppio incarico” si ripresenta con la gradevole variazione da sindaco-deputato ad assessore-senatore; qualche aggiustamento delle deleghe all’interno dell’affollatissima compagine di Giunta.

A mezzogiorno e mezza la prima reazione politica all’attesissimo rimpasto: il capogruppo del PdL in Consiglio Comunale sbatte la porta e se ne va. Per lettera contesta l’operazione appena varata, lascia l’incarico politico e diventa consigliere comunale indipendente. Il PID, lasciato fuori dalla porta con la “promessa condizionata” di un “vedremo più avanti, ma dovete fare i bravi”, osserva e silenzioso attende. La Lega Nord esce vincitrice dal “giro di valzer” degli incarichi: non soltanto rimanda al mittente la richiesta di rinunciare ad un posto in Giunta, ma porta a casa le deleghe alla Cultura, al Turismo e ai Grandi Eventi, mortificando più d’un assessore pdiellino. E alla “pancia” del PdL, cioè al numeroso Gruppo Consiliare in cui sono presenti diversi giovani e che in questi mesi ha molto sofferto la sostanziale estromissione dalle trattative per la nuova Giunta, Zacchera ha regalato questo raffinato e prezioso distillato di alta politica: “hanno capito che non si può far fare a tutti l’assessore“.
Questa operazione è un vero capolavoro di coesione! E s’annunciano due anni formidabili.

Intervento del consigliere del PD di Verbania Claudio Zanotti