Archivi tag: Lega Nord

La Lega Nord caccia un suo consigliere a Villa. Tempi "bulgari"

Che la Lega Nord sia in difficoltà, stretta nel suo rapporto con Berlusconi, lo sappiamo. E che ci metta del suo è altrettanto evidente. A riprova l’espulsione di un suo consigliere comunale, Roberto Serra, tre anni fa candidato a sindaco di Villadossola. Ecco le sue dichiarazioni.
«Non c’è un motivo vero. O almeno io non lo conosco. Di certo non è più la Lega Nord che conoscevo io; forse è troppo impegnata a salvare certa gente in parlamento». Roberto Serra, il consigliere comunale di Villadossola che il Carroccio ha messo alla porta, non sa darsi una ragione della sua espulsione. Il comunicato di due sole righe diramato l’altri ieri dalla segretaria provinciale non l’ha chiarito. Serra
era stato eletto 3 anni fa. Era alla guida della lista «Impegno e trasparenza per Villadossola», ma una volta in consiglio aveva aderito alla Lega formando il gruppo consiliare leghista. «Spero mi diano qualche spiegazione – dice – anche se un’idea me la son fatta.
La verità è che pur con i difetti del mio carattere, sono uno che pensa e ragiona. E quando non ero d’accordo lo dicevo.
Ad esempio non ho accolto l’invito dei vertici provinciali di disertare i consigli comunali che approvano l’ordine del giorno contro la manovra del governo.
Faccio il consigliere comunale, mi rendo conto che i tagli penalizzano il mio Comune, come posso far finta di nulla?».
Poi, l’affondo: «Ormai la segreteria provinciale del partito è un parlamento bulgaro e le persone che usano il cervello danno fastidio. Il nostro senatore?
Lo cerco da settimane, mi ha mandato un sms e non l’ho più sentito. Anche la sezione della Lega di Villadossola è abbandonata
a se stessa».
Da La Stampa (del 29.09.2011)

L’ASSESSORE MONFERINO RISPONDE AL CAPOGRUPPO PD RESCHIGNA SULL’INTERVISTA DEL SEN. MONTANI.

Aldo Reschigna

L’assessore regionale alla sanità Monferino ha risposto nel question time all’interrogazione del capogruppo regionale PD Aldo Reschigna in cui chiedeva l’opinione della Giunta sull’intervista a un settimanale locale in cui il senatore della Lega Nord Montani parlava di interessi del privato sull’ospedale Castelli di Verbania e indicava questa strada come quella da perseguire nella gestione della sanità.
“Non conosco ne ho mai incontrato il sen. Enrico Montani”, ha spiegato Monferino, “Non sono a conoscenza di specifici contatti con imprese private per collaborazioni con l’ospedale di Verbania. Non ho dubbi sul fatto che diverse imprese private possano essere interessate a sviluppare in forme varie rapporti di collaborazione con l’ospedale Castelli, riproponendo in questo modo un modello che ha già dimostrato di essere un modello di successo con l’esperienza di Omegna”.
Monferino ha spiegato che “eventuali iniziative con privati sarebbero di competenza dell’Asl Vco, ma chiaramente con la condivisione di indicazioni strategiche e con il supporto dell’assessorato competente”.
“E‘ evidente”, sostiene Reschigna, “nelle parole dell’assessore Monferino che l’intervento dei privati al Castelli, se non è all’ordine del giorno come sostiene il senatore Montani, è altamente probabile in un prossimo futuro. Su questo ci riserviamo il massimo di attenzione su eventuali sviluppo di un rapporto con il privato che non può essere considerato, come fa il senatore Castelli, la strada maestra per la riforma della sanità piemontese”.
“Rimane invece confermata la pesante invasione di campo del senatore Montani, che rappresenta chiaramente le intenzioni della Lega nord sul futuro della sanità piemontese”.
Aldo Reschigna

Centro islamico a Villadossola: la Lega Nord come al solito si contraddice.

Centro islamico a Villadossola: la Lega Nord come al solito si contraddice. a Villa non la vuole.  a Omegna e Gravellona dove governano loro i centri islamici sono aperti.
Sugli organi d’informazione spunta la possibilità che a Villadossola nasca un luogo di culto per il mondo islamico.
Indovinate un po’ chi invece fa fuoco e fiamme contro questa possibilità?
Ovviamente i leghisti nostrani di Villadossola che al posto di provare a riparare ai disastri da loro fatti al Governo con la manovra di ferragosto non trovano di meglio che alimentare una bella polemica anti islam.
Per una volta lasciamo perdere l’aspetto democratico della polemica, di una forza politica che vuole impedire a delle persone di professare il proprio credo.
Vogliamo invece sottolineare la solita incongruenza e inaffidabilità leghista.
Basta, infatti, spostarsi di qualche chilometro, ed andare a Gravellona Toce o ad Omegna dove la Lega Nord è al governo per scoprire che in quelle città esistono, “miracolo”, centri di culto  islamici.
Insomma come al solito la Lega Nord dimostra di essere “brava” solo a parole. Gonfiano il petto, strepitano, urlano ma come al solito non sono mai coerenti.
Perché a Gravellona Toce e ad Omegna, dove governano, questi centri islamici e/o luoghi di culto sono aperti? Perché non hanno mandato la loro “polizia padana” o qualche bella “ronda” a farli chiudere questi centri? (A proposito ma che fine hanno fatto le ronde? Qualcuno le ha mai più viste?)
Sono proprio e solo dei “quaquaraqua”. Gente che parla a vanvera.
A Villadossola urlano allo scandalo perché all’opposizione, a Gravellona Toce e ad Omegna, dove governano loro, i centri islamici continuano a svolgere la loro pacifica funzione.
La smettano perché i cittadini si stanno accorgendo di quanto le loro promesse e i loro proclami non siano mai seguiti dai fatti.
Noi sempliceme pensiamo che ogni espressione di fede, se vuole avere un luogo per pregare, deve trovare una sua sistemazione.

Segreteria PD VCO
Ufficio Stampa

LA LEGA NORD CHE SCAPPA!

Le dichiarazioni degli esponenti della Lega Nord locale in merito alla loro mancata partecipazione al consiglio comunale di Domodossola – esordisce Antonella Trapani segretario provinciale del PD – sono davvero incredibili e testimoniano il fallimento del loro progetto politico”.
Il consigliere regionale leghista Michele Marinello e il capogruppo in consiglio a Domodossola Riccardo Galvani hanno giustificato la loro assenza affermando: “andremo in consiglio quando si comincerà a parlare di Domodossola: sino ad ora non si sono trattati i veri temi che interessano la città”.
Peccato che in consiglio comunale si discutesse dei tagli del governo agli enti locali: con l’ultima manovra votata in questi giorni da Bossi, Maroni e dal senatore del VCO Montani si aggiungono, ai tagli già fatti, altre mazzate: a Verbania un milione e 333 mila euro in meno, 630 mila euro in meno a Domodossola, 659 mila in meno ad Omegna, 289 mila a Gravellona Toce, 273 mila a Villadossola, 222 mila a Cannobio e 148 mila a Stresa.
“E quindi, secondo questi autorevoli dirigenti leghisti – prosegue Antonella Trapani segretario provinciale del PD – discutere di un taglio di oltre 800 mila euro al comune di Domodossola non è parlare dei problemi della città? Incredibile!
Una domanda: ma senza soldi un comune, un sindaco, una giunta che fanno?
E’ ovvio che questi tagli, come già sta avvenendo, si ripercuoteranno sui cittadini e sulle famiglie con il taglio di servizi essenziali.
Invece per Marinello e Galvani parlare di tagli non è occuparsi dei problemi della città.
Invece i leghisti si sottraggono al confronto, perché sono incapaci di sostenere un dibattito pubblico in cui appare evidente a tutti il fallimento del loro modello di federalismo.
Ma non dovevano arrivare più soldi ai comuni? Le tasse pagate non dovevano rimare sul territorio? Tutte promesse. La realtà, drammatica, è un’altra.
Se vogliono impegnarsi per la loro città (Domodossola, Verbania o Omegna che sia) – conclude Antonella Trapani – cambino radicalmente questa manovra se ne sono capaci. A Domodossola sono scappati di fronte alle loro responsabilità. Questa è la verità.”

PD VCO
Ufficio stampa

DOMODOSSOLA: GALVANI L’ABUSIVO!

La Lega Nord a Domodossola (come da foto) ha deciso di abusare degli spazi elettorali sui tabelloni, attaccando numerosi manifesti al di fuori dalle zone concesse, in quasi tutti gli stalli presenti in città.
Manifesti abusivi insomma.
Abbiamo segnalato la questione e speriamo che le autorità preposte facciano rispettare la legge coprendo i manifesti abusivi e dando le giuste sanzioni.
La cosa vergognosa, e buffa allo stesso tempo, è che l’uomo che dovrebbe far rispettare la legge è lo stesso che ha compiuto questo abuso: ovvero l’attuale vicesindaco Galvani, visto che i manifesti abusivi sono con il suo volto e/o il simbolo del suo partito.
Insomma di notte Galvani con i suoi compari si traveste da candidato sindaco e va in giro ad attaccare manifesti abusivi, di giorno da vicesindaco del comune dovrebbe andare in giro a far coprire quegli stessi manifesti.
I cittadini giudichino la serietà di tale comportamento di chi si candida a diventare il garante del vivere comune.
Coordinamento provinciale
Circolo di Domodossola

PD VCO
Ufficio stampa